sabato 22 giugno 2013

Parma. Una festa, un terremoto e Chiara.



Ieri siamo state ad una festa.
Una festa speciale, con tutto quello che serve. Palloncini, dolcetti, regali e anche i fiori.
Parma è una bella città con belle vetrine, tante biciclette e profumo di tiglio.

L'Ospedale Pietro Barilla di Parma ci ha accolto così, nel modo che mai avremmo potuto immaginare.
Nel viale, un sole caldissimo, e qualche bambino.
All'interno, tanti colori, e lei.

Il suo nome è Chiara e l'abbiamo incontrata ieri, con la sua mamma e il suo papà, nel reparto di Terapia Intensiva neonatale, arrivata alla fine di maggio, un pò prima del previsto.
Chiara si nutre dell'affetto e della voce della sua mamma, dagli sguardi rapiti del suo papà, felici di farla diventare Modella per Un Giorno per Cuore di Maglia.
Chiara ha ricevuto in dono un corredino con tante cose morbide e calde, e con lei tutti gli altri bambini del della TIN avranno da oggi scarpine e cappellini e vestitini micro pensati e fatti apposta per loro.


All'equipe dell'ospedale di Parma un grazie fortissimo per la festa che ci hanno riservato, per le parole e per i sorrisi, soprattutto quelli.
A te Chiara, alla tua mamma che ti accarezza anche con gli occhi e al tuo papà che ormai sai come tenere in pugno, vogliamo augurare tutte le cose belle del mondo, grazie di averci fatto entrare nel tuo mondo fatato e perfetto, nel silenzio e nella bellezza, per averci dato la possibilità di fare qualcosa per te e per averci fatto sentire così come ci sentiamo sentite ieri, Patrizia ed io, vicino a te.
Oggi per noi, la cosa più forte a Parma, non è stato il terremoto
Sei stata tu.






1 commento:

  1. ...che dire... La vita è una cosa meravigliosa e sempre piena di sorprese. Da Chiara a Chiara: chi ha una partenza in salita, poi tutto il resto è un gioco da ragazzi!! Auguri per una vita piena di cuore e sole!! Chiara.

    RispondiElimina