domenica 30 giugno 2013

Cuore di Maglia a Monza.

immagine di repertorio. Fonte:Repubblica.it

Ci sono situazioni che, benché si possa provare ad immaginare, non sono mai uguali alla realtà.

Qualche settimana fa ha preso il via un progetto molto ambizioso e speciale, nato dalla collaborazione con la sezione femminile del Carcere di Monza.
Il Progetto è destinato alle detenute che abbiano in animo di lavorare a maglia per i piccoli delle Terapie Intensive neonatali. Nello specifico, i lavori saranno destinati all’Ospedale san Gerardo di Monza.
Si tratta quindi di organizzare 3 incontri all’interno del carcere, presentando il progetto e tenendo delle lezioni di maglia alle signore della Casa Circondariale.

Cuore di Maglia entra così, per la prima volta, in un ambiente protetto e sconosciuto.

AI primi di maggio, una rappresentanza di Cuore di Maglia si è recata a Monza, accolta dall’educatrice Michelangela Barba, per illustrare il progetto.

Nessuna di noi era mai stata all’interno di un carcere e devo dire che è stata una mattina piena di forti emozioni.

Sono i dettagli a rimanere impressi, le chiavi delle porte di ferro, il rumore siistro della chiusura delle porte dietro di te, per entrare in un mondo strano e sospeso, lasciando tutto fuori.

Il personale femminile  di Polizia Penitenziaria sono state molto cortesi e professionali, i controlli rigidi e precisi, nessuna fotografia autorizzata, com’è ovvio.

Le detenute, dapprima timide e poi via via sempre più coinvolte, hanno accolto con grande entusiasmo il progetto. Molte di loro sono mamme, con i figli lontani e non ci si deve dimenticare che, nonostante gli errori, hanno bisogno di sentirsi ancora utili, recuperare e recuperarsi. Salvarsi, in un certo senso, per non sbagliare più.

Dalla seconda metà di luglio partiranno gli incontri al carcere di Monza.

Cuore di Maglia arriva anche lì.



1 commento:

  1. E' un progetto bellissimo, che sostengo in pieno.
    Ho sempre pensato che il carcere, per una mamma, sia una pena nella pena. E' bello sapere che chi ha sbagliato tanto e ha commesso errori che l'hanno portata in prigione possa aiutare chi si affaccia alla vita e lo fa con una fatica enorme e tante difficoltà.
    Grazie per essere arrivate anche qui.

    RispondiElimina