venerdì 1 marzo 2013

Missione Niguarda.

Le consegne negli Ospedali, soprattutto in quelli grandissimi, dove ti ci perdi, vengono programmate con almeno un mese di anticipo.
Questo per permettere un'organizzazione perfetta, di orari e di materiale, di partecipazione e di accoglienza.
Càpita però qualche volta, che anche l'organizzazione più capillare, più ambiziosa e più perfetta possa avere uno scivolone. In inverno, questi scivoloni si chiamano influenza.
Ma nessun problema.
Personalmente non sono riuscita ad essere presente alla nostra consegna alla Terapia Intensiva dell'Ospedale Niguarda di Milano, ma il team delle nostre associate, in testa Antonella Santambrogio, ha svolto un lavoro di perfezione e rapidità, come da tradizione.


In questo fagottino caldo c'è un bambino.
E' a lui e a tutti i bambini come lui che pensiamo quando inventiamo uno schema, scegliamo un filato, scriviamo un libriccino o una storia.
E' ad abbracciarlo così che pensiamo quando lavoriamo davanti alla tv, quando ci troviamo nei mille knit cafè, nei sabati pomeriggio passati con le amiche a ridere coi ferri in mano, un thè caldo e una fetta di torta, un aperitivo...
e' al sorriso della sua mamma cui pensiamo quando proviamo e riproviamo le scarpine a fragola, a coniglietto, quando ci  inventiamo un cappellino speciale, che ha lo spazi per i tubicini, sì, ma che ha tutti i colori della primavera.
queste sono le nostre coccole di lana, il pensiero di portare un pò di colore, di cose calde, di piccolissime speranze chiuse dentro a un fagottino che è un miracolo di forza e bellezza. I nostri diritti e i nostri rovesci messi insieme, uno dopo l'altro, solo per lui.
Al Primario Dottor Martinelli, a Clara, a Paola, del reparto di terapia Intensiva Neonatale di Niguarda, il nostro ringraziamento per l'accoglienza e per le cose belle che hanno detto di noi.
A Antonella, Barbara e Paola, un grazie speciale per aver curato questa consegna e
Al KnitCafè Paullo, dal quale arrivano buona parte di questi lavori, e al gruppo RCS che lavora con noi producendo in tempo record cappellini e scarpine.
E a questa delizia, il mio pensiero più bello.
Felici di scaldarti.

8 commenti:

  1. Cristina M.- Varese1 marzo 2013 12:07

    Bravissime !!!! Un caro saluto alle amiche di Milano e dintorni . Cristina M. - Varese

    RispondiElimina
  2. che bel frugoletto! tanti auguri a lui e ai suoi genitori per una lunga vita felice . E ancora brave a voi, sono piccole cose, ma scaldano l'anima di chi le riceve e di chi le crea.
    Baci Sara

    RispondiElimina
  3. Che emozione è stata, soprattutto per le persone splendide che abbiamo incontrato!
    Grazie per l'opportunità!
    barbara

    RispondiElimina
  4. ed io proprio stamattina ti ho consegnato l'ultimo mio lavoretto!!!sperando che parta prestissimo per scaldare qualche altro super minuscolo bimbo!!ciao guarisci presto,l'amica delvillaggio!

    RispondiElimina
  5. che emozione vedere gli "angeli" di cuore di maglia al Niguarda con Martinelli e con la dolcissima infermiera Elisabetta.... a tutti voi un grazie

    RispondiElimina
  6. Che tenerezza!
    Quando comincio da Cuore di Maglia la giornata inizia con dolcezza...

    RispondiElimina
  7. Salve, avrei necessità di essere contattata da qualche responsabile del Vostro meraviglioso gruppo di lavoro milanese.
    il mio indirizzo di posta è: lander19@libero.it, mi chiamo Serena e scrivo da Sanremo.
    Grazie,a presto.

    RispondiElimina