venerdì 29 marzo 2013

A Versilia.



La primavera tarda ad arrivare anche quì in Versilia ,la temperatura e' buona 
ma il sole non si vuol far vedere.

Arriviamo a Viareggio ,io, Lella (socia nel lavoro e nella vita)e le nostre 
bambine Irene e Milena (perche' i Cuori vanno coltivati da piccoli).


L'Ospedale Versilia e' di recente costruzione e a volte non ti 

sembra proprio di essere in ospedale.
Arriviamo al terzo piano seguendo il color arancione e subito ci sembra di 
stare in un'altro piccolo mondo.

Quì vengono seguiti i bimbi dalla 29 settimana,

Le infermiere ci accolgono e a loro cominciamo ad illustrare il nostro lavoro in attesa della Dott.ssa Merusi che stava giusto seguendo una nascita 
improvvisa alla 34 settimana.

Mentre aspettiamo ci raggiunge la Capo sala Alessandra Manfredi che con 
entusiasmo ci racconta della banca del latte della quale e' responsabile.
Descrivo i nostri manufatti e percepisco il loro entusiasmo. Prima che 
arrivasse il Cuore erano loro che a volte realizzavano qualche cappellino per i 
piccoli pazienti'. Hanno gia' dei piccoli da vestire, tra cui una piccola 
Principessa di 1,800gr in attesa di crescere e trovare una famiglia che la porti 
a casa con se'.




Nel frattempo e' arrivata la dottoressa sa Ilaria Merusi Neonatologa responsabile 
dell'associazione "Piccole Stelle" creata nel 2002 per volonta' di genitori, 
medici e infermieri allo scopo di favorire lo sviluppo delle cure neonatali.


E' lei che ha aperto le porte del reparto a Cuore Di Maglia e che non finiro' 
mai di ringraziare,e' proprio quello che mancava per favorire ancora di piu' le 
cure neonatali,un dolce tocco di colore che nella vita non guasta mai.
Ci salutiamo con grandi sorrisi che sono sicura porteranno a una bella e 
continuativa collaborazione tra noi,il reparto e l'associazione Piccole 
Stelle.


Grazie,grazie di Cuore a tutti, anche al Primario Dott.re Luigi Gagliardi anche se non ho avuto il piacere d'incontrare personalmente.

Cristiana Rossi, Ambasciatrice Cuore di Maglia, Lucca

Nessun commento:

Posta un commento