Passa ai contenuti principali

Le Fascette.

Una specifica richiesta da parte della Terapia Intensiva Neonatale di Alessandria.
Sono fascette, che serviranno a tener ben fermi dei sensori, sia sulla fronte, che sulla zona addominale e lombare dei piccolissimi.

Stiamo ancora sperimentando, provando, misurando. Confrontando materiali, dal gros ricamato, come quello di Luana, alla microfibra elastica, al cotone. Diverse tecniche, dai ferri, all'uncinetto, al cucito. Stiamo anche testando le chiusure, automatici in metallo, o plastica, oppure piccole strisce di velcro. Le nostre cucitrici e ricamatrici, che oramai sono tantissime, sono molto impegnate a provare e provare.
Che siano carini, colorati, non tristissimi come la garza. 
Ricordiamo che il protocollo Care si prende cura anche dei genitori che vedono il loro piccino. E certamente, un fiorellino, una fascia colorata, un cuoricino se non guariscono e risolvono, di sicuro hanno tutto un altro aspetto.

Ecco quello che ci scrive la dottoressa.
"... I sensori sono grandi circa 2 cm x 4 cm, vanno posizionati in testa sulla fronte del paziente, e a livello addominale in ipocondrio destro (fegato) oppure in sede lombare (rene). Come vedi nelle foto attualmente utilizzo una benda elastica adesiva per fissarli, avrei bisogno quindi di due fasce in cotone, se possibile elastiche, per mantenere in sede e fermi i sensori. Potrebbero andare bene larghe 5 cm e  (considerando misure superiori alla circonferenza cranica e addominale) lunghe 40 cm per la testa e 50 per l'addome, con dei sistemi di fissaggio (velcro? bottoncini?) che permettono di renderli aderenti alla testa e all'addome..."

Dateci altre idee su come fare queste fascette. 

Commenti

  1. Io farei un cilindro di flanella o spugna, tipo quella degli asciugamani, e dentro metterei un elastico alto almeno 5 cm. Devo provarci...

    RispondiElimina
  2. Io però non ho capito, perché devono essere lunghe 40 e 50 cm?
    Una bella striscia di cotone colorato all'uncinetto potrebbe andare? Però non saprei come fissarla... una catenella per farci un fiocchetto? Non è pratica, vero?
    Dani

    RispondiElimina
  3. Io quoto Clarissa per l'idea della spugna, ma fareuna semplice fascetta doppia da fissare con il velcro perché l'elastico potrebbe essere fastidioso per delle testine così fragili...
    Complimenti per l'impegno che mettete nel dare questo aiuto...se avessi più tempo libero e più abilità mi unirei molto volentieri!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Lo Schema del Sacco Nanna

Questa non sono io, che nemmeno sono bionda. E le mail non sono di carta come queste qui. Ma è quello che è successo, epperfortuna, con le vostre richieste dello schema del Sacco Nanna. Perciò, ad enorme, sconfinata richiesta, eccolo qui. Simona Martino, una che di Cuore di Maglia ne sa, e ne sa bene, ha inventato per noi questa meraviglia. Perciò, buon Sacco Nanna a tutte. Non sono brava con i conti, ma 104 nei giorni scorsi, una trentina da stamattina alle 9, beh, se mi arriva un sacco nanna per ogni schema che ho mandato siamo veramente a posto. E grazie, grazie fortissimo, dal Cuore, come sempre.

Sacco Nanna a trecce di Simona Martino. La foto la  trovatequi.
Si lavora con i ferri circolari n.3,5 e 2 gomitoli di BabyCashmerino Debbie Bliss o lana equivalente, morbidissima.

Montare 86 maglie •lavorare 14 ferri a maglia rasata (si contano sia i ferri di andata che di ritorno) •15° ferro : (motivo a trecce) : lavorare 1 rov., *3 rov. 6 dir.*, ripetere da * a * per 9 volte e terminare con 4 rovesc…

Il Sacco Nanna di Simona.

Libera, e splendida,  interpretazione del Sacco Nanna a cura di Simona Martino. Premessa. Come molte sapranno, abbiamo pensato a questa soluzione per la terapia del wrapping, praticata in molte Terapie Intensive. Consiste nel tenere il piccino ben avvolto , in maniera che senta ancora, oltre al calore, la sensazione di contenimento che aveva nel ventre materno. Il nostro testimonial è stato il piccolo E., che abbiamo incontrato con la sorellina al Macedonio Melloni di Milano. Ora, anche l'ospedale di Manerbio ne ha fatto richiesta, e perciò siamo tutte all'opera. Per questo Sacco Nanna occorrono 100 gr di lana merinos lavorate con ferri n. 4,5. Simona ha scritto per noi lo schema. Nel pieno rispetto del suo lavoro, cosa che molto spesso sul web passa totalmente inosservata e noi di Cuore di Maglia lo sappiamo più che bene, lo schema verrà inviato via mail a chi ne farà specifica richiesta all'indirizzo: cuore chiocciola cuoredimaglia punto it. A Simona, ai suoi bigliettini spec…

Happy Mini Twist by Emma Fassio.

Ieri c'è stata una bella festa da Cuore di Maglia.
Una riunione di donne e bambine ( vero, solo femmine, ieri!!), per festeggiare, diciamo così, l'invenzione di  un nuovo schema di Emma Fassio, l'Happy Mini Twist.

Il Mini Twist è proprio una nostra invenzione, nel senso che, dietro suggerimento dell'Ospedale di Careggi a Firenze, abbiamo realizzato uno schema che ha avuto una storia speciale. Dapprima pentagono, poi triangolo, e  lo abbiamo chiamato Mini Twist. I bambini sono coccolati e contenuti, belli abbracciati dal calore e dalla morbidezza della lana merinos con cui i MiniTwist vengono realizzati.

Emma ha creato per Cuore di Maglia un nuovo modello, e ieri lo ha presentato alla sede di Cuore di Maglia.
E' un modello semplice, che può essere realizzato anche da chi si avvicina per la prima volta al mondo della maglia e di Cuore di Maglia, anche da chi utilizza i ferri dritti.

Lo schema del Mini Twist lo trovate qui di seguito, ed è scaricabile gratuitamente da Rave…